Follo Line

Norway

Il progetto Follo Line, in Norvegia, consiste in una nuova linea per l’alta velocità a doppio binario, lunga 22 chilometri, che collegherà la stazione centrale di Oslo e un nuovo hub per il trasporto pubblico nella città di Ski.

La nuova linea è stata ideata per decongestionare il traffico nella periferia a sud-est di Oslo e integrare la mobilità pubblica dei piccoli centri attorno alla capitale: quando entrerà in esercizio, consentirà ai pendolari di ridurre la durata media di viaggio da circa 22 minuti a circa 11 minuti.

La commessa prevedeva in totale la costruzione di circa 64 chilometri di nuovi binari, che corrono attraverso due tunnel gemelli. È il tunnel ferroviario più lungo mai scavato in Scandinavia.

Follo Line è uno dei progetti ferroviari per l’alta velocità più importanti al mondo per la sua complessità tecnica e uno dei primi nella storia nordeuropea a prevedere una galleria a doppia canna, realizzata simultaneamente con quattro Tunnel Boring Machine (TBM), comunemente chiamate «talpe». Le TBM sono macchine poderose in grado di scavare gallerie in modo automatizzato e in totale sicurezza. La macchina termina con un cilindro metallico, detto scudo, su cui è posizionata una testa rotante dotata di dischi taglianti (cutter).

Le talpe sono state battezzate, come da tradizione, con nomi femminili: Queen Eufemia, in onore della Regina Eufemia, moglie di Håkon V di Norvegia, famosa per i suoi interessi culturali; Queen Ellisiv, come la consorte di Re Harald III di Norvegia; Anna, che prende il suo nome da una mercantessa di Kloppa molto nota negli anni ’50, e Magda, come Magda Flåtestad, che traghettava passeggeri da una sponda all’altra del lago di Gjersjøen, consentendo loro di raggiungere la chiesa di Svartskog.

In questo cantiere è stato preferito uno scavo con TBM a doppio scudo, del diametro di 9,96 metri, rispetto al metodo drill & blast, che prevede l’utilizzo controllato di esplosivi ed è tradizionalmente utilizzato in Norvegia. Erano infatti oltre 25 anni che nel Paese non si utilizzavano TBM a causa del tipo di roccia, considerata troppo dura e abrasiva per i cutter delle macchine.

Lo scavo meccanizzato con TBM ha anche consentito di evitare che si presentassero problemi in superficie, come il rumore, le vibrazioni ed eventuali danneggiamenti della falda acquifera.

La soluzione adottata per l’accesso delle TBM è innovativa: il progetto infatti ha previsto la costruzione di un unico sito di accesso nell’area rurale di Åsland, a metà strada circa tra Oslo e Ski. Da qui sono state lanciate le quattro talpe, due per ciascuna direzione, che hanno scavato contemporaneamente e a distanza ravvicinata per lunghi tratti. Le caverne sotterranee di assemblaggio, alte 20 metri, larghe 50 e lunghe oltre 60 metri, sono le più grandi mai realizzate in Norvegia. È il cantiere dei record.

Nella stessa Åsland è stato costruito un campo base a basso impatto, con oltre 500 alloggi per gli operai, uffici, palestra e mensa, ed è stata realizzata la fabbrica dei conci utilizzati per il rivestimento dei tunnel, che vengono movimentati evitando quindi traffico esterno al cantiere. Il rivestimento del tunnel è stato effettuato con oltre 20.000 anelli, composti da oltre 135.000 conci in calcestruzzo. Caratteristica tipica dei cantieri Ghella, dove possibile, è il riutilizzo della roccia da scavo per il calcestruzzo che viene reimmesso in cantiere: una grande opera di risparmio energetico e delle risorse naturali a disposizione.

L’11 settembre 2018 due delle quattro talpe, Queen Eufemia e Queen Ellisiv, hanno realizzato il breakthrough (letteralmente lo «sfondamento», ovvero il completamento dello scavo del tunnel) contemporaneamente, in anticipo rispetto al cronoprogramma iniziale; anche le altre due TBM, Magda e Anna, hanno realizzato uno spettacolare doppio breakthrough a Ski, il 26 febbraio 2019, concludendo lo scavo meccanizzato.

Complessivamente, lo scavo delle quattro TBM è durato 100 mesi, coinvolgendo oltre 750 operai e 100 tra ingegneri e personale tecnico appartenenti a 25 nazionalità diverse.

Precedente Seguente